Passeggiando per le verdi vie di Pembroke si respira un’atmosfera particolare, lontana dal caos e dalla frenesia di alcune strade maltesi. L’impronta britannica si manifesta in ogni casa, in ogni vicoletto, in ogni scorcio che si apre su parchi fioriti e aree attrezzate. Pembroke è situato sulla costa nord-orientale dell’arcipelago maltese, si estende alle spalle di Paceville e confina con la zona residenziale di Swieqi. Il paese è relativamente moderno, essendo il villaggio di più recente fondazione dell’isola di Malta. Addentrandoci per i meandri di Pembroke osserviamo con estremo piacere la presenza di prati, di strutture sportive, di edifici in pietra maltese con portici ed ampie finestre, strutture che ospitano complessi scolastici, scuole di lingua, e università private (Middlesex University Malta).

La storia militare di Pembroke

Il villaggio di Pembroke fu edificato nel 1875 da alcuni nobili dell’alta aristocrazia inglese. Dedicato a Robert Henry Herbert, dodicesimo Conte di Pembroke (omonimo paese inglese), il villaggio si costituisce come un’eredità militare britannica. Passeggiando per le vie di Pembroke scopriamo che i resti della guarnigione dell’esercito inglese sono ancora evidenti in molti edifici.  Nel cimitero militare di Pembroke ci sono 315 vittime della Seconda gguerra mondiale. Il cimitero ospita anche il Pembroke Memorial che commemora 52 militari, le cui tombe si trovano in altre parti di Malta (non cadendo sotto la cura delle tombe di guerra del Commonwealth). A differenza della maggior parte delle città e dei villaggi di Malta, Pembroke non ha una festa patronale commemorativa. La nuova chiesa è costruita sullo stesso sito dell’ex piccola cappella eretta nel 1945 dai prigionieri di guerra tedeschi.

La riqualificazione del territorio

Il 4 luglio 1983, il parlamento maltese ha approvato una mozione per avviare l’emissione di appezzamenti di terreno in vendita o locazione per la costruzione di case residenziali. I primi residenti si stabilirono nel 1986. Nel 1993, Pembroke si separò da St. Julians e divenne formalmente una nuova cittadina. Da allora Pembroke è cresciuta diventando una piacevole area residenziale, una città decisamente verde per gli standard maltesi.

Il patrimonio geologico di Pembroke

Passeggiando lungo le vie che discendono al mare, la vegetazione cambia il suo aspetto. Il paesaggio si fa gradualmente più arso, gli arbusti più bassi e il verde acceso dei cespugli vira verso tonalità di colore più caldo. Andando ad approfondire la storia di questa parte dell’isola scopriamo che a Pembroke c’è l’ultima grande distesa carsica rimasta a Malta, con oltre 60 ettari di gariga (le garighe costiere sono tipiche formazioni cespugliose discontinue). In questa area si trova una ricca flora mediterranea, importante per la sua rarità, con piante minacciate di estinzione. Tutelare questa flora garintisce anche la sopravvivenza dell’ecosistema faunistico. La costa rocciosa e il terreno carsico di Pembroke sono attualmente definite “aree di importanza ecologica e scientifica”. L’acqua incontaminata di questo tratto di mare rende possibile l’attività dell’impianto di osmosi (per la depurazione dell’acqua) posizionato proprio su questo tratto costiero.

Il lago sommerso di Pembroke

Un’altra caratteristica geologica, unica nell’arcipelago maltese, è la grande caverna naturale nella valle di Ħarq Ħammiem che divide Pembroke da St. Julians. Sembra che al di sotto di questa caverna si estenda un lago chiuso di 300 mq, un’altra rarità da tutelare e valorizzare.

Passeggiando per le verdi vie di Pembroke ultima modifica: 2021-03-24T09:00:00+01:00 da Marzia Cipollone

Commenti

Subscribe
Notificami
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Julieta B. Mollo

Sembra un posto molto tranquillo.

1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x