Malta ospiterà per la prima volta il grandioso evento della Biennale dell’arte, il titolo della mostra sarà “White Sea Olive Groves”. La traduzione del titolo in italiano è gli uliveti del Mar Bianco, con cui si vuol far riflettere sulle espressioni dell’arte dell’Europa meridionale. Un concetto che intende porre l’attenzione sulla “centralità e al tempo stesso marginalità” geografica e culturale dei paesi del Mediterraneo.

Malta Biennale

La Biennale inizierà l’11 marzo e accoglierà i visitatori in vari siti di Malta e Gozo fino al mese di maggio. In particolare tutti i siti in cui si svolgerà la Biennale sono patrimonio maltese ma anche dell’Unesco che tra l’altro ha concesso il proprio patrocinio all’evento. Cuore della manifestazione sarà il Palazzo del Gran Maestro a Valletta, un altro sito sarà il Palazzo dell’Inquisitore a Birgu e i templi di Ggantija a Gozo. Questi luoghi, simbolo della cultura maltese, testimoniano la complessa storia dell’isola.

valletta

Crocevia del Mediterraneo sin dai tempi antichi, Malta ha saputo difendere la propria identità, nonostante le diverse influenze culturali nel corso dei secoli. Il territorio maltese così ricco d’arte in ogni angolo, è il luogo ideale dove gli artisti possono trovare ispirazione ed esprimere al meglio se stessi. Sono stati selezionati ben 80 artisti, provenienti da 23 paesi diversi tra cui la cubana Tania Bruguera, il messicano Pedro Reyes e il francese Jean-Marie Appriou. Per quanto riguarda l’Italia parteciperà anche il collettivo Post Disaster, un gruppo che utilizza i tetti urbani di Taranto per affrontare discussioni su come i processi globali influenzino i territori. In occasione della Biennale gli artisti allestiranno un nuovo spazio performante a Fort Sant’Elmo, nella capitale Valletta. Altri artisti che rappresenteranno l’Italia sono: Camilla Alberti, Alan Abd El Monim, Teresa Antignani e Rosa Barba.

La Biennale è organizzata congiuntamente da MUZA, il Museo d’arte della Comunità Nazionale di Malta, per conto di Heritage Malta e Arts Council Malta in piena collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e l’Autorità del Turismo di Malta. La direzione artistica è affidata all’italiana Sofia Baldi Pighi, coadiuvata dal vicedirettore artistico Nigel Baldacchino, dall’art advisor Elisa Carollo e dalla giornalista maltese Emma Mattei, specializzata in arte e cultura. L’evento metterà in contatto l’arte maltese con altre realtà culturali contemporanee, offrendo spunti per uno scambio reciproco che promuova la crescita personale e sociale.

Per maggiori informazioni consultare:
www.maltabiennale.art
Immagine di copertina pagina facebook Malta Biennale

La prima biennale di Malta ultima modifica: 2024-02-05T12:53:43+01:00 da Valeria Galli

Commenti

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x