Trentuno concerti, sedici località diverse, dal 10 al 25 gennaio. Stiamo parlando del Valletta Baroque Festival. Sono previsti concerti con la partecipazione di numerosi artisti italiani, grazie alla collaborazione dell’Istituto Italiano di Cultura La Valletta.
Artisti di altissimo livello, maltesi e non solo, sono pronti a dare il la all’ottava edizione del Festival Internazionale della musica barocca. Una kermesse che si incastona nella capitale emblema del barocco maltese, che celebra l’identità e l’arte di questo sito patrimonio dell’umanità attraverso musiche dell’epoca della sua costruzione. Dal 2013 questo evento è andato arricchendosi e impreziosendosi dando al mondo un’immagine valorizzata della città che lo ospita.

la locandina del festival

Trentuno concerti, dicevamo, in 16 location diverse: dal Teatru Manoel al Vardala Palace, dalla Biblioteca al Museo Archeologico. Queste alcune tra le sedi prestigiose che ospiteranno le performances musicali, che accoglieranno le musiche di Bach, Monteverdi, Vivaldi e altri artisti del barocco internazionale. Il tutto, sotto la direzione artistica di Kenneth Zammit Tabona. Ma entriamo più nel dettaglio scoprendo le tappe dell’ottava edizione del Baroque Festival di Valletta.

Artisti ed Ensemble del Valletta Baroque Festival

Artisti e orchestre provenienti dall’Italia, dalla Francia, dalla Germania, dalla Spagna, insieme ai padroni di casa della Malta Philarmonic Orchestra, del Valletta Baroque Ensemble o di KorMalta. Les Contre-Sujets, Vivica Genaux e Les Musiciens du Louvre, La Serenissima, i fratelli Zapico. E ancora, Jory Vinikour, i Cantar Lontano e Monteverdi Project. E poi Joel Frederiksen, l’Ensemble Phoenix Munich, Elena Pogulyaeva. Voices and Instruments of Time and Truth, Sandy Burnett, l’Abchordis Ensemble e l’Ensemble Barocco di Napoli. Ma anche il trio Capriccio Stravagante, e poi Tommaso Rossi e Maria Grazia Schiavo.

Un concerto all'interno di una chiesa

Kotaro Fukuma, il Coro e Orchestra Ghislieri, Nicholas Mulroy ed Elizabeth Kenny. Il MOA Trio, La Grande Chapelle, Katherine Florilegium. E per finire Voces Souaves, Raffaele Pé e La Lira di Orfeo, la Moveo Dance Company, Simone Kermes e gli Amici Veneziani. Questi i nomi di chi si esibirà durante il Valletta Baroque Festival. Musicisti ed ensemble che emozioneranno, entusiasmeranno e appassioneranno con le note di Bach, Vivaldi, Telemann, Handler, Fasch, Pergolesi e dei più grandi compositori del barocco e rinascimento internazionale.

Location suggestive per concerti imperdibili

E le suggestive e preziose location che accoglieranno queste musiche, che ospiteranno questi spettacoli, con la loro bellezza, la loro ricchezza artistica e architettonica, rendono il festival del barocco ancora più attrattivo. Parliamo, oltre che dei luoghi già citati, della chiesa di Santa Caterina a Żurrieq, della Church of St Philip of Agira, Żebbuġ. Del Collegiate Church of St Paul di Rabat e del Collegiate Parish Church of the Immaculate Conception di Bormla. Ma anche della chiesa francescana di St Mary of Jesus a Valletta e la Parish Church of St George a Qormi.

Locandina Valletta Baroque Festival

A ospitare alcuni concerti saranno anche il salone fastoso di Palazzo Parisio, il Maritime Museum di Birgu e il San Anton Palace di Attard. E spettacoli si terranno anche nella St Augustine Church, nel Cattedrale di St John’s e di St Paul’s Anglican. Dal 10 al 25 gennaio, dunque, si susseguiranno concerti che invaderanno queste perle architettoniche di voci e note barocche. Violini, piani e flauti, oboe, trombe, chitarre e tiorbe vi trasporteranno indietro nei secoli. Che siate appassionati del genere o scopritori di nuove emozioni il Valletta Baroque Festival è un’esperienza da vivere.

Immagini dalla pagina facebook del Valletta Baroque Festival

Serena Villella

Autore: Serena Villella

Serena di nome e di fatto. Appassionata e paziente. Una laurea triennale in Lingue Moderne e una specialistica in Interpretariato e Mediazione Interculturale. Amante della vita e irrimediabile sognatrice. “Vedo orizzonti dove gli altri disegnano confini”.
Valletta Baroque Festival: un’ottava edizione da non perdere ultima modifica: 2020-01-07T09:00:00+01:00 da Serena Villella

Commenti