La prima Conferenza di Pegaso International a Malta il 18 e 19 ottobre. L’obiettivo è di promuovere il dialogo, la consapevolezza e la condivisione delle conoscenze sulle sfide della società digitale, l’inclusione sociale e l’istruzione. Interverranno: l’ambasciatore d’Italia a Malta Mario Sammartino, la Presidente Emerito Marie-Louise Coleiro Preca, Elio Pariota Direttore generale di Pegaso International Malta, Luigia Melillo Rettore di Pegaso International, Gavin Gulia Presidente di Malta Turism Authority, Claudette Buttigieg Vice Presidente della Camera del Parlamento maltese, Carmelo Abela Ministro degli affari esteri, Rosette Fenech per Pegaso International Malta ed altri importanti relatori.

Verrà consegnato un premio Unesco alla Presidente Emerito Marie-Louise Coleiro Preca per il suo impegno e solidarietà verso le persone bisognose e vulnerabili.

Abbiamo fatto qualche domanda al Dott. Elio Pariota.

Credit Paola Stranges

Dott. Pariota, a chi è rivolta la conferenza Pegaso International? Quali ne saranno i temi, quali gli obiettivi?

Siamo molto soddisfatti dell’organizzazione e degli obiettivi di questa prima conferenza internazionale di Pegaso International. La conferenza si terrà in questi giorni a Malta. Saranno presenti, oltre alle autorità maltesi, anche 25 rettori di università estere insieme a una novantina di dottorandi frequentanti il phd del nostro ateneo. Sarà quindi, un importante focus di discussione sui grandi temi dell’inclusione sociale e digitale. Uno spaccato che mira a disegnare le traiettorie e gli impatti che il cambiamento in atto sta apportando alle nostre vite.

Credit Paola Stranges

Dott. Pariota, com’è nata l’idea di Pegaso International?

L’Universita’ telematica Pegaso ha visto la luce nel 2006 da un’intuizione del nostro Presidente e fondatore Danilo Iervolino col quale mi onoro aver condiviso le fasi embrionali di quella che in tredici anni si è rivelata una splendida e vincente cavalcata. L’idea di innovare nel settore più ingessato della storia, ossia quello universitario, adottando modelli destrutturati di erogazione del contenuto didattico, offrendo la possibilità agli studenti (lavoratori e non ) di apprendere da ogni luogo e in qualsiasi momento, si è tramutata in una sfida affascinante coronata da successo.

Pegaso International a Malta, che progetti ci sono?

A Malta la Pegaso International ha inteso costituire un trampolino di lancio. Un hub dal quale irradiare il Globo – ma in primis l’area mediterranea – di contenuti didattici in modalità on line. L’idea è quella di offrire a tutti gli studenti una prospettiva globale e multiculturale nel segno di un apprendimento declinato sugli standard più innovativi. Le tre gambe di Pegaso International – ricerca internazionale, stampa e pubblicazione dei lavori scientifici, didattica on line – incarnano perfettamente il nuovo approccio e l’obiettivo di perseguire una internazionalizzazione nel segno della modernità.

Intervento di Marie Louise Coleiro Preca. Presidente Emerito della Repubblica di Malta
Credit Paola Stranges

Pegaso è ormai una realtà consolidata. 10 corsi di laurea, 200 corsi post laurea e 80.000 studenti. Quali sono i progetti futuri?

Oggi Pegaso è la prima università privata italiana. Conta 80.000 studenti, 100 splendide sedi d’esame distribuite sull’intero territorio nazionale. Oltre 500 convenzioni con il mondo accademico, ordini professionali, imprese, pubblica amministrazione e così via. L’intero Gruppo, inoltre, ha 100.000 studenti sotto formazione. È forse il primo in Europa nella formazione online. Ecco, l’obiettivo è quello di diventare a breve un player di caratura mondiale nel settore education realizzando una vera e propria università globale.

Conferenza Pegaso International: intervista al Dott. Elio Pariota ultima modifica: 2019-10-19T08:00:56+01:00 da Redazione

Commenti