Il Malta Jazz Festival è un evento musicale che si terrà a Valletta dal 16 al 21 luglio 2018. Un’opportunità per ascoltare dal vivo le note di grandi artisti tra cui spuntano i nomi di Chic Corea, Christian McBride e Nasheet Waits tra tanti altri. Musica per le tue orecchie per sei giorni consecutivi davanti al paesaggio della capitale maltese con le sue note quanto apprezzate bellezze storiche e artistiche. Il festival si presenta come uno degli eventi più acclamati della stagione estiva. Per gli amanti e inguaribili romantici che amano la musica jazz e, perché no, anche per tutti i curiosi di una delle realtà musicali che ha fatto la storia.

Jazz : la storia della musica

Il Malta Jazz Festival offre una miriade di stili all’avanguardia conosciuti a livello mondiale. Un evento che prende luogo in un paese dove il jazz non è diventato così virale come altri generi musicali che oggi spopolano sul web, ma che continua a ritagliarsi la sua nicchia di accaniti fan. Il Malta Jazz Festival ha giocato un importante ruolo locale come interesse artistico e non solo. Molti maltesi sono emersi per la loro capacità musicale trasformando quella che era una passione in una carriera professionale.

Un altro obiettivo prefissato è creare collaborazioni con altri festival e comunità di amanti del jazz in tutta Europa. Durante gli ultimi anni il festival ha prodotto, creato e commissionato collaborazioni artistiche sia locali che straniere per stimolare la rete di curiosi e professionisti del settore.

Facendo un passo indietro, era il 2015 quando il Malta Jazz Festival ha creato il “Fringe Youth Jazz Ensemble. Una collaborazione tra il festival e le attività internazionali musicali.

Negli anni l’evento ha spinto ad un mélange di generi che rappresentano il jazz di oggi, tra cui il jazz latino, lo swing. E poi il be-pop, l’electro jazz, l’hard pop, i vocal jazz, l’afro jazz ed altri ancora.

Malta jazz festival: e tu cosa sai del jazz?

Lo stile jazz è da molti considerato la quintessenza della musica americana. Affonda le sue radici nei canti degli schiavi afroamericani che si divertivano a mettere in atto musica e balli come momento di allegria e condivisione.

Si sviluppa a macchia d’olio negli Stati Uniti nelle piantagioni sud-americane prima e poi con le jam session. Si trattava di improvvisazioni di musicisti non professionisti che componevano musica ad orecchio. Si è diffuso come musica vocale durante il lavoro nelle piantagioni come nella costruzione di strade e ferrovie. Non a caso il ritmo è binario: facilitava e motivava l’attività lavorativa, tra cui anche la raccolta e la rimessa del cotone nelle ceste.

Il jazz prenderà piede anche a Chicago con Louis Armstrong e poi in Europa dove avrà un successo grandissimo. Con il passare degli anni è stato testimone di importanti evoluzioni diventando musica commerciale con lo swing.

Miles Davis

I protagonisti del jazz sono pianoforte, sassofono (immancabile), tromba, contrabbasso, batteria, chitarra folk, cornetta, tuba, flauto traverso. Questi sono i principali attori che dettano il ritmo di ogni realtà jazz, tra cui anche le musiche che faranno scatenare il pubblico del Malta jazz festival.

Per informazioni sui biglietti e costi, clicca qui! Malta ti aspetta questa estate per condividere uno degli eventi musicali più importanti degli ultimi 27 anni.

Flavia Del Treste

Autore: Flavia Del Treste

Romana, classe ’91, alle spalle una laurea in Letterature e Traduzione Interculturale Inglese e Francese. Lavoro come SEO web writer e traduttrice freelance per aziende e privati. Tra un articolo e l’altro non dimentico mai di fare una passeggiata in sella al mio cavallo. La passione per l’equitazione mi ricorda le mie origini e soprattutto cosa vuol dire essere felice.

Malta Jazz Festival: la storia della musica jazz in sei giorni di puro divertimento ultima modifica: 2018-07-14T10:24:23+00:00 da Flavia Del Treste

Commenti