L’incontro letterario proposto dall’Istituto Italiano di Cultura La Valletta è con Benedetta Gargano autrice del libro “L’invenzione della felicita” pubblicato dalla casa editrice Solferino all’interno della Collana Narratori 2021. Benedetta Gargano converserà con la giornalista Lucia Esposito. L’evento sarà online ed avrà luogo lunedì 31 maggio alle ore 18. Per partecipare è necessario collegarsi al seguente link:

Link per il collegamento: https://zoom.us/j/93096153488?pwd=VnRNL253d3A1d1JINk9xSjVRMzRXZz09 | Passcode: 1JJ3hG | Webinar ID: 930 9615 3488

In diretta sul canale YouTube dell’Istituto: https://www.youtube.com/channel/UCp-vfhYr-BqWv_XxtJ6KWfQ/

Benedetta Gargano, che è anche una nota sceneggiatrice televisiva (nel suo curriculum è annoverata la sceneggiatura di “Un posto al sole”, la fortunata serie italiana che va in onda ogni sera su Rai Tre), affronta con leggerezza e ironia il tema dell’amore e delle relazioni affettive.

L’invenzione della felicità: essere contenti non significa accontentarsi

Il romanzo “L’invenzione della felicità” ci porta in un contesto partenopeo e femminile. La storia narra gli episodi di una particolarissima e divertente convivenza tra donne.  Fra le protagoniste della narrazione incontriamo una simpatica novantasettenne che rischia di finire in una casa di riposo. Il libro sembra prometterci una lettura interessante; per l’autrice la felicità è qualcosa che si può creare e reinventare ogni volta. Coraggio, fantasia e una buona tavola sono alcuni degli elementi che contribuiscono alla rinascita della gioia di vivere. L’originalità della narrazione riguarda anche la singolare vicenda che lega una nonna ad una nipote. Il romanzo è probabilmente anche una storia di formazione che insegna a tutti noi che essere contenti non significa accontentarsi.

L’importante attività dell’Istituto Italiano di Cultura La Valletta

L’evento proposto dall’Istituto Italiano di Cultura a Malta è realizzato in collaborazione con Solferino editore e con l’Ambasciata d’Italia a Malta. L’occasione ci permette di ricordare l’importante lavoro svolto negli anni da questo Istituto il cui obiettivo principale è quello di diffondere la lingua, l’arte e la cultura italiana. L’Istituto Italiano di Cultura promuove un ampio programma di eventi culturali quali: conferenze, concerti, mostre, presentazione di libri e di opere teatrali. L’organizzazione, che svolge anche la funzione di ufficio culturale dell’Ambasciata italiana a Malta, ha intensi e regolari scambi con l’università locale e con alcuni centri di studi e ricerca siti nel territorio. Il direttore dell’Istituto, il dottor Massimo Sarti, ha costanti e proficui rapporti anche con molte istituzioni statali italiane.

La storica sede di Valletta

A chi non avesse mai visitato lo storico edificio oggi sede dell’Istituto Italiano di Cultura ricordiamo che lo stabile è sito in Valletta. Il palazzo venne costruite nel 1602 dal gran maestro Alof de Wignacourt; di particolare pregio e importanza artistica è il soffitto della Sala principale. Gli affreschi del pittore senese Niccolò Nasoni ci riportano al suo soggiorno maltese avvenuto tra il 1723 e il 1725. L’istituto italiano di cultura dispone anche di una sala cinema, che può essere riadattata a sala conferenze e a sala esposizioni. Di notevole valore sono anche i libri conservati nella ricca biblioteca che contiene circa 12.000 volumi. L’istituto possiede inoltre una nutrita raccolta di audiovisivi disponibili su differenti supporti video.  

L’Istituto Italiano di Cultura La Valletta presenta “L’invenzione della felicità” ultima modifica: 2021-05-28T09:00:00+02:00 da Marzia Cipollone

Commenti

Subscribe
Notificami
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

¡Buenísimo!

2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x