Filfla è un isolotto che appartiene all’arcipelago delle isole maltesi. Situato a sud-est di Malta, si estende per 700 metri. Riserva naturale dal 1988, è inaccessibile per via delle ripide scogliere che la caratterizzano. È vietato approdarvi, così come è vietato pescarvi in prossimità. Filfla, il cui nome deriva dall’arabo e significa pepe, è l’unico posto al mondo in cui viva una sottospecie di lucertola verde con macchie rosse (Podarcis filfolensis).

Filfla. Foto di Di Lysy - Opera propria, CC BY-SA 3.0,
Filfla

La leggenda

Filfla non è conosciuta solo come riserva naturale. Attorno a essa, infatti, aleggiano delle leggende che la rendono particolarmente affascinante. Si dice che questo isolotto sia nato dalla terra levata dalla voragine di 6mila metri quadrati di il-Maqluba, nel territorio del villaggio di Qrendi. Nelle diverse versioni della storia, si fa riferimento a un villaggio ubicato in prossimità della voragine e abitato da persone malvagie. Quella più famosa narra che fu Dio stesso a far inghiottire l’intero villaggio dalla terra, lasciando in salvo solo la casa di una pia signora che viveva al confine del paese. Dio, ascoltando le preghiere della donna, le avrebbe mandato in soccorso alcuni angeli. Questi gettarono in mare il villaggio insieme a tutti gli uomini malvagi che lo abitavano.

Le altre versioni della storia

Un’altra versione sostiene che sia stato un gigante a gettare in mare l’intero villaggio con una mano, risparmiando la pia signora. Un’altra leggenda narra ancora che Filfla sia nata dalle macerie di un villaggio popolato da creature malvagie che ancora oggi la notte rapiscono i bambini. Inoltre, pare che sull’isola si recherebbe una donna alla disperata ricerca di un ragazzino scomparso. Un’ulteriore versione racconta che, in un passato molto remoto, gli abitanti di un piccolo villaggio fossero così crudeli che Dio li scaraventò all’inferno. La loro malvagità era tale che neanche il diavolo li volle e li rimandò in superficie assieme a un piccolo e desolato pezzo di terra che diventò Filfla.

La piccola cappella

Su Filfla, un tempo, era presente una piccola cappella. La sua presenza è rinvenibile su alcune vecchie mappe. La chiesetta sarebbe stata realizzata come ex voto all’interno di una grotta per volere di un navigatore che fece naufragio sull’isolotto nel 1343. Sconsacrata nel ‘500, essa venne poi distrutta dal terremoto del 1856. 

Bersaglio degli americani

Filfla ospitò la famiglia di Ġanni Attard, che vi trovò rifugio durante la peste del 1813. Nel corso della seconda guerra mondiale fu invece raggiunta a nuoto da un soldato tedesco il cui aereo era stato abbattuto sul mare. L’aviatore venne poi recuperato da un commilitone. Per circa duecento anni fu bombardata dagli americani per esercitazioni militari. I bombardamenti causarono gravi danni alla flora e alla fauna, distruggendo anche circa due terzi dell’isolotto. Solo nel corso degli anni ’70 essi vennero proibiti.

Filfla, la misteriosa isoletta a sud-est di Malta ultima modifica: 2021-01-29T09:15:00+01:00 da Antonietta Malito

Commenti

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x