Victoria

La regina Victoria nata con il nome di Alexandrina Victoria ha regnato dal 20 giugno 1837 al 22 gennaio 1901. Il suo regno è stato uno dei più longevi, successivamente battuto dall’attuale regina Elisabetta II. L’impero britannico durante l’epoca vittoriana ha visto il suo espandersi fino ai confini del mondo. In quanto colonia anche Malta faceva parte dell’impero britannico di conseguenza subì nel bene e nel male la sovranità inglese.

Nel segno della sovrana

Valletta in quanto capitale è stata da sempre segnata dal passaggio dei vari sovrani e colonizzatori. Anche il periodo britannico ha lasciato la sua impronta nella cultura, nell’amministrazione e ovviamente anche nell’arte.

La statua

Tra i vari record , la regina Victoria possiede anche quello di sovrana più commemorata nella storia con statue che la omaggiano in tutto il mondo. Così anche a Valletta si trova la statua della sovrana al centro della Pjazza Regina (nota anche come Republic Square).
La statua, nonostante le sue dimensioni modeste si impone al centro della piazza volgendo lo sguardo verso l’orizzonte e indicando un punto indefinito. La statua ha visto il passare di innumerevoli vicende ed anche i bombardamenti delle guerre mondiali uscendo illesa.

Victoria

Victoria’s Gate

Ioltre, non poteva mancare una porta trionfale per l’entrata in città, eccola allora, edificata con l’imponente stemma dell’impero britannico all’apice. Durante la dominazione britannica la parte portuale di Valletta rappresentava l’anima viva della città. Tutto ciò che arrivava dal Grand Harbour, passava attraverso i locali della dogana (attuale waterfront) ed entrava nella città attraverso questa porta maestosa.

Victoria

 

Victoria Lines

Victoria Lines nota anche come Old British Military Walk si sviluppa lungo la barriera naturale nota come The Great Fault. Questa barriera collega Fort Madliena per giungere a Fomm ir Rihh Redoubt.
Questa formazione naturale si estende lungo l’isola toccando luoghi quali Ghargur, Mosta, Dwejra Lines. I cavalieri maltesi già nel 1722 la utilizzarono come punto strategico per il controllo dell’isola. Le forze armate inglesi fortificarono militarmente questa posizione di vedetta  durante il 1875 per commemorare il Giubileo di diamante della regina di cui porta il nome. Questo punto strategico divenne essenziale per mantenere la postazione della truppa britannica, poiché, fornisce una magnifica vista sia del nord che del sud di Malta. Grazie alla sua posizione naturale l’Old British Military e in virtù di queste peculiari caratteristiche il sito è entrato a far parte del sito Unesco dal 27 agosto del 1998.

Lungo questo percorso si trovano molti Forti quali Fort Bingemma, Fort Madalena e Fort Mosta questi ultimi due ancora in uso dall’AFM (Armed Force Malta)

Una città in onore!

Sicuramente l’omaggio più grande che il popolo maltese ha offerto alla sovrana è stato nominare una città in suo onore, . Originariamente nominata Rabat in Gozo, la città cambia nome nel 1897 in occasione del giubileo d’oro della sovrana e prende il nome di Victoria. Rabat viene scelta in quanto cuore pulsante dell’isola, il cui carattere antico si ritrova nella Cittadella che tuttora mantiene il suo fascino antico.

Victoria

Un ricordo indelebile

La regina Victoria durante il lungo periodo in cui ha governato, ha cambiato le sorti di molti paesi influenzando e cambiando il volto politico di una gran parte del globo. Il suo modo politico e la sua figura di sovrana decisa ha suscitato stima e amore in molti sudditi e di certo anche tanti oppositori. Nonostante tutto il segno della sovrana si percepisce nei punti cardine dell’isola maltese contribuendo a mantenere vivo il suo ricordo.

Raffaella Accardo

Autore: Raffaella Accardo

Amante della letteratura e di ambienti naturali inesplorati, colgo al volo ogni occasione per scoprire un pezzettino nuovo del mondo. Guardo al domani con un gran sorriso sicura che il meglio deve ancora arrivare!

Victoria, il segno della longeva regina nella storia maltese ultima modifica: 2018-09-24T09:30:17+00:00 da Raffaella Accardo

Commenti