Il ricavato dell’evento sarà devoluto per la costruzione di una scuola in Kenya

Si svolgerà sabato 14 aprile alle ore 19:00 presso il Museo della Cattedrale di Mdina il concerto di beneficenza organizzato da Friends of Kenya.

L’evento vede tra i promotori Ivana Legname, presidente dell’associazione maltese Friends of Kenya e interprete di Lingua dei Segni. Il tema sarà “Hands on Music: Interconnecting Cultures”, proprio per sottolineare l’importanza delle mani che:

  • parlano,
  • suonano,
  • esprimono
  • ed uniscono tutte le culture ed i popoli.

L’obiettivo della serata è tra i più lodevoli: la costruzione di una scuola in un villaggio poverissimo vicino Malindi, in Kenya.

Ivana Legname, presidente dell’associazione maltese Friends of Kenya (credits: pagina Facebook Friends of Kenya)
Ivana Legname (credits: pagina Facebook Friends of Kenya)

Musica e non solo

Protagonisti indiscussi del concerto di beneficenza saranno alcuni musicisti della Maltese Philarmonica Orchestra. Sarà difatti imperdibile la performance della prima flautista Fiorella Camilleri con il suo gruppo.

Ma l’associazione Friends of Kenya non si è limitata ad organizzare un concerto.

Nel prezzo del biglietto è incluso anche il tour guidato all’interno del Museo della Cattedrale di Mdina. Saranno, inoltre, offerti stuzzichini e del buonissimo vino toscano.

Il tutto sarà, poi, reso indimenticabile da un’atmosfera multiculturale grazie all’eleganza dei vestiti tradizionali Africani e Giapponesi e ad un antico falconiere con la sua tipica tenuta risalente al 1400.

Chi, per l’occasione, volesse indossare il proprio vestito tradizionale sarà il benvenuto!

In nome della beneficenza

Al lodevole evento hanno finora contribuito molte persone che hanno donato il loro tempo, cibo, vino proveniente dalle cantine toscane, location, aiuto nella realizzazione di locandine, ecc..

Il comune denominatore è la beneficenza.

Chiunque volesse partecipare all’evento contribuendo alla costruzione della scuola in Kenya potrà acquistare i biglietti inviando un’email a friendsofkenyamalta@gmail.com oppure recandosi presso uno dei punti addetti alla prevendita:

  • gelateria “Con Gusto Gelateria” a Bugibba;
  • ristorante “Santini Reastaurant” a St. Julian;
  • agenzia “Rocs” a Floriana;
  • biglietteria del Museo della Cattedrale, a Mdina;
  • palestra “Bertu’s Gym” a Gharghur;
  • cartoleria “Landmark Stationary” a Gharghur.

La donazione minima è di 20€.

Per qualsiasi informazione vi invitiamo a visionare la pagina Facebook Friends of Kenya o telefonare al numero 00356 79361644.

Friends of Kenya: l’associazione che ama il Kenya

Friends of Kenya presenta un concerto di beneficenzaFriends of Kenya è un’organizzazione non-profit con base a Gharghur, Malta, creata nel 2016 da un’idea di Ivana Maria Legname, sua presidente.

I suoi obiettivi sono ben definiti e consistono in quindici “missioni”. Vediamoli insieme:

  1. Caldeggiare il rispetto tra diverse culture.
  2. Condurre campagne di sensibilizzazione in Europa sui problemi esistenti in Kenya.
  3. Promuovere il benessere per tutti.
  4. Incoraggiare l’autosufficienza attraverso corsi nelle scuole e nei villaggi che insegnino lavori manuali formando figure come falegnami, elettricisti, cuochi, sarti, ecc..
  5. Raccogliere fondi e beni mediante eventi con l’obiettivo di costruire scuole adatte e attrezzate per i disabili, e di sostenere ospedali o centri medici.
  6. Organizzare almeno due spedizioni umanitarie all’anno con professionisti volontari di qualsiasi settore utile in Kenya: dottori, infermieri, psicologi, assistenti all’apprendimento, elettricisti, cuochi, ecc.. 
  7. Aumentare i corsi di formazione e specializzazione per la creazione ed il mantenimento di una stabile forza lavoro locale.
  8. Creare progetti per spingere l’integrazione e l’inclusione sociale.
  9. Promuovere gli scambi culturali tra i non udenti in Europa e in Kenya.
  10. Migliorare le strutture sanitarie locali, insegnando le attività di primo soccorso e fornendo antibiotici e vaccini in collaborazione con la Compagnia Farmaceutica Maltese.
  11. Aumentare l’accesso all’acqua pulita e ai servizi igienici attraverso la costruzione di nuovi pozzi e fornire sapone alle persone che vivono in villaggi poverissimi. Inoltre, Friends of Kenya organizza dei corsi per insegnare l’importanza dell’igiene personale.
  12. Creare consapevolezza sull’importanza delle vaccinazioni e provvedere alla fornitura di scorte per i centri sanitari locali.
  13. Aiutare le persone con disabilità.
  14. Organizzare tornei sportivi tra persone disabili.
  15. Fare tutto ciò che è necessario per il raggiungimento degli obiettivi appena indicati.

L’associazione ha dunque bisogno dell’aiuto e del supporto di tutti.

Un piccolo gesto si potrà compiere questo sabato acquistando il biglietto per il concerto di beneficenza e partecipando a questo – sicuramente – emozionante spettacolo!

Sabrina Furia

Autore: Sabrina Furia

Divoratrice di libri, viaggiatrice seriale e ottimista senza speranza. Amante della scrittura e della fotografia, dove mi lasci non mi trovi!

“Hands on Music: Interconnecting Cultures”, il concerto di beneficenza di Friends of Kenya ultima modifica: 2018-04-10T15:21:03+00:00 da Sabrina Furia

Commenti