16 ottobre 2017, Bidnija. Una donna esce di casa, poi rientra: ha dimenticato qualcosa. La recupera, torna verso la sua utilitaria. Siede al volante, avvia il motore. Preoccupazioni, pensieri, timori, ma anche ricordi e progetti le turbinano nella mente fervida. Il mattino è fresco, la strada deserta; la vettura procede per qualche tratto… BUM! Niente più pensieri e progetti, niente più corpo. Niente più Daphne Caruana Galizia.

Lo sgomento

A Malta si piange o si resta sgomenti. La prima vittima innocente di mafia della storia dell’arcipelago. Daphne Caruana Galizia viene uccisa nella prima mattinata del 16 ottobre del 2017 dallo scoppio di una bomba piazzata ad arte sotto il sedile di guida della sua macchina. Tre uomini, pare, si occupano fisicamente dell’esecuzione. È finita! O forse no: questa non è la fine; al contrario: è solo l’inizio. È un fatto forte e sconvolgente di cui parla tutto il mondo.

Credit: change.org

Daphne Caruana Galizia: l’anniversario

Malta vuole giustizia. Malta vuole verità. Malta vuole libertà. Ecco perché a partire da quel funesto 16 ottobre si svolgono degli incontri alla Corte di Giustizia per ricordare, celebrare, onorare una donna e al tempo stesso manifestare la sete di rettitudine e legalità. Fiori, lucchetti, immagini, epigrafi, applausi, lacrime, sarcasmo, rabbia, amore, speranza, IMPEGNO! Con altrettanta regolarità qualcuno rimuove i fiori, gli omaggi. Ma subito dopo ecco nuovi fiori, nuove frasi, nuovi ceri.

Libera International

Daphne Caruana Galizia è la prima cittadina maltese ad essere aggiunta alla sempre più lunga lista delle vittime innocenti del crimine organizzato nel mondo stilata da Libera, l’associazione italiana che da oltre vent’anni (e precisamente dal 25 marzo 1995) combatte con fierezza, coraggio e pacifismo contro ogni forma di criminalità organizzata. La prima giornata maltese della memoria e dell’impegno per le vittime innocenti del crimine organizzato (il 21 marzo) si è tenuta proprio successivamente all’assassinio di Daphne. Per questo secondo anniversario, Libera ha deciso di mandare un segnale importante e forte.

Don Luigi Ciotti, fondatore e uno dei volti e delle anime dell’Associazione, sarà presente alla commemorazione, che si terrà a Valletta, in triq ir-Repubblika, di fronte alla Corte di Giustizia. Nel corso della giornata si svolgeranno altre attività commemorative, fra cui una celebrazione liturgica. Per i dettagli è possibile consultare le pagine facebook di Occupy Justice o Repubblika, le associazioni della società civile che più si sono attivate sull’argomento in questi due anni.

Mala tempora currunt, sed peiora parantur, o per dirla con le parole della giornalista: “The situation is desperate!” Ma sarà vero? Forse no. Forse dipende da noi tutti, dal coraggio di impegnarsi in prima persona e collettivamente, dalla potenza del nostro “Sì” a una società giusta, onesta e solidale.

Daphne Caruana Galizia. Due anni dalla sua tragica scomparsa ultima modifica: 2019-10-16T09:00:57+01:00 da Redazione

Commenti