#PrayforParis

Venerdi 13 novembre 2015 sarà una data indimenticabile per Parigi, colpita da 6 attentati ad opera di militanti dell’Isis. L’Orrore assedia la Francia, alle 21.20 ora del primo attentato ad opera di un kamikaze che si è fatto esplodere fuori dallo stadio, a seguire poi le esplosione al Teatro Bataclan, al Bar Bonne Biere, al locale di boulevard Voltaire. Questi attacchi contano 129 morti e 352 feriti tra cui due ragazzi italiani feriti lievemnete e una ragazza dispersa, Valeria Solesin di 28 anni.

8 attentatori sono morti durante la tragedia, alcuni sono stati identificati (c’è in opera un fermo in Belgio di un probabile attentatore)

Una Francia messa al ginocchio e colpita nel cuore del popolo. Il presidente francese, Hollande parla di un attacco senza precedenti. Numerose misure di sicurezza sono state alzate dalla Francia e dai Paesi Europei.

Ieri Parigi era in silenzio, un città metropolitana deserta, un silenzio che parla da solo. Nelle vie della città si vedono tutt’oggi, polizia e forze dell’ordine giornalisti e qualche parigino che esce di casa per necessità. Le autorità hanno consigliato di non uscire dalle abitazioni se non in caso di urgenze.

Domani tutti gli Stati osserveranno un minuti di silenzio in segno di rispetto per le vittime, già nella serata di ieri numerosi monumenti si sono colorati di blu bianco rosso

Parigi sotto attacco ultima modifica: 2015-11-15T11:04:05+00:00 da Redazione

Comments