WP_Error Object ( [errors] => Array ( [http_request_failed] => Array ( [0] => cURL error 28: Connection timed out after 5000 milliseconds ))[error_data] => Array ( )) L'Auberge d'Italie a Valletta

Un palazzo con una lunga storia che parla italiano a Valletta

Valletta, Merchants Street, si imbocca a sinistra subito dopo la Piazza dedicata al Gran Maestro Jean de Vallette, colui dal quale la città ha preso il nome. Forse un centinaio di metri, ancora sulla sinistra, dopo la chiesa di Santa Caterina, si apre sulla via pedonale un grande portone, è quello dell’Auberge d’Italie, un tempo la casa dei Cavalieri italiani, oggi sede di Malta Tourism Authority e dell’ufficio di informazione turistica a Valletta.

Il capo dei Cavalieri di casa italiana era tradizionalmente il Gran Ammiraglio dell’Ordine eletto dal consiglio secondo un ordinamento che traeva origine nel medioevo. Su suo incarico nell’anno 1569 due italiani appartenenti all’ordine firmarono il contratto per l’acquisto dell’area di costruzione a Valletta, erano Ercole Asinari e Nicolo’ Beningno, immediatamente poi iniziò l’edificazione dell’edificio, completata in meno di un anno.

La costruzione è una delle più raffinate presenti a Valletta. La facciata su Merchants Street ha un carattere simmetrico, ci sono ampi spazi di muratura tra i grandi finestroni, il portale è decorato nella parte superiore con i simboli dell’ammiragliato corrispondenti ad un delfino e sormontato da un elmetto piumato ad ostrica.

Purtroppo durante la seconda guerra mondiale l’edificio è stato fortemente danneggiato dai bombardamenti dell’Asse italo-tedesco, buona parte delle porzioni interne dell’edificio sono state così ricostruite, senza però alterarne la tipologia costruttiva e molti dei dettagli che lo contraddistinguono.

Camminando per le strada della capitale, Valletta, non è possibile passare indisturbati davanti a questo edificio di particolare imponenza e bellezza, una costruzione che parla di storia, di cultura e bellezza proveniente dall’Italia. Il nostro suggerimento è quello di fermarsi ad ammirare la facciata su Merchants Street, ma anche di provare ad entrare (l’ufficio di informazione turistica è aperto al pubblico) per poter godere degli interni, del cortile centrale e dei tanti dettagli che dall’esterno non è possibile assaporare.

L’Auberge d’Italie a Valletta ultima modifica: 2016-01-02T12:55:14+00:00 da Redazione

Comments